Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Salta i link dei menu Martedì 18 Dicembre 2018
PGS Haka Volley
HomeFrecceSquadra Frecce Finale CSI 2006
Squadra


Finale CSI 2006
E' stato un torneo molto bello e molto combattuto. La formula ha favorito lo spettacolo, sei squadre per due posti in finale, con quarti in due partite e semifinali in due partite. Alla fine l'hanno spuntata le due formazioni hakine, l'Haka The Best con due splendide partite in semifinale ha eliminato gli Antenati, l'Haka The Stars ha sofferto 10 set nelle due semifinali con lo Skippy, che in regular season si era classificato addirittura penultimo. Le squadre castellazzesi si sono rivelate un gradino più in basso anche se probabilmente in semifinale il Madagascar poteva fare di più.
Adesso ci aspetta una finale molto equilibrata. L'Haka The Best ha perso i due derby della regular season quindi parte leggermente sfavorita, ma deve comunque difendere il titolo conquistato l'anno scorso. L'Haka The Stars ha molta fame di vittoria in un torneo i cui componenti non hanno mai vinto la finale. Buon divertimento e benvenuti alla finale tutta hakina per il secondo anno consecutivo.

Data, ora e dettaglio della finale
Vai al dettaglio della finale

Comunicata la data e il luogo della finale.
La finale si svolgerà ad Alessandria in casa Hakina alla Palestra GIL, in in Corso Monferrato angolo Via Gentilini, giovedì 1 giugno 2006.
La serata inizierà alle 20.45 con la finale terzo quarto posto al meglio di due set su tre tra Skippy - Antenati.
A seguire la finale per il primo e secondo posto al meglio di tre set su cinque tra le due squadre Haka.

Come arrivare alla palestra
La Palestra si chiama Ex GIL ed è in Corso Monferrato angolo Via Gentilini
L'uscita più comoda è AL-OVEST
Indicazioni:
usciti dal casello girare a destra direzione Alessandria
al primo bivio seguire le indicazioni per Alessandria (sulla destra) e salire su un cavalcavia arriverete a una rotonda, proseguire dritto, attraverserete un ponte, il ponte vecchio della Cittadella, alla fine del ponte c'è un semaforo, al semaforo girate a sinistra dopo il semaforo c'è subito una strada a destra accanto ad un grande parcheggio, ignoratela e girate alla successiva stradina a destra, questa stradina è via Gentilini alla fine di questa stradina c'è Corso Monferrato, la palestra è a sinistra. Parcheggiate pure.

Il cammino delle due formazioni verso la finale
Haka The Best
Il campionato dei campioni CSI in carica parte dal derby. La squadra deve sopperire agli addii di Fabio Chiurato, Pierfrancesco Sestito, Elisa Tornato. Nel frattempo vengono a far parte della squadra Massimiliano Nese, Michela Trombin, David Galeone, Simona Procopio, Francesco Bucolo. Al contrario dell'anno scorso è pienamente recuperato Marco Bigini. La squadra insomma non appare debole ma c'è l'incognita della sostituzione di Mister Set Chiurato che l'anno precedente dava un grandissimo contributo in attacco e in ricezione.
Si parte quindi con il derby e sembrano venire a galla i primi problemi. L'attacco appare leggero, la squadra deve ancora prendere una sua fisionomia in campo e viene la prima sconfitta il 13 febbraio 2006. La formula del trofeo CSI in cui fino alla fine tutte le sei squadre hanno la possibilità di arrivare in finale fa sì che la battuta di arresto dei campioni Haka The Best non sia fondamentale.
Il campionato si ferma per quasi un mese e alla ripresa il 6 marzo l'Haka gioca contro il suo passato, lo Skippy. L'Haka affronta il match senza particolari sentimentalismi, e porta a casa una vittoria molto convincente nel punteggio con avversari che non appaiono mai in partita.
Una settimana dopo si affrontano i rivali di Castellazzo Madagascar, nuova presenza quest'anno. La formazione non è ancora ben definita, Max Nese fa la spola tra il ruolo di opposto e la banda, ma nonostante il secondo set perso malamente, l'Haka chiude gli altri tre set. La squadra campione Csi è ancora una squadra umorale, capace di esaltarsi con splendide prove in attacco e con un gioco molto lineare quando le cose vanno bene, e nello stesso tempo capace di deprimersi quando le cose non girano.
Tre giorni dopo il 16 marzo 2006 l'Haka The Best va a far visita agli Antenati sul campo acquese. E' una delle partite decisive per determinare quali formazioni arriveranno ai primi due posti che concedono l'accesso diretto alle semifinali.
L'Haka non l'affronta molto bene, perde malamente il primo set, pareggia, riperde e quando sta per cedere anche il quarto set, un guizzo di una formazione completamente rimaneggiata che ha stravolto la sua impostazione solita in campo, consente almeno il tie break che però viene ceduto senza lottare. Si ha però l'impressione che gli Antenati abbiano giocato molto bene, mentre l'Haka abbia ancora parecchio da mostrare.
Le successive settimane vedono l'Haka The Best confrontarsi con la formazione castellazzesi del Mifidodiueppe in due partite, riportando una vittoria sofferta in quattro set nel recupero a Castellazzo, e una un po' più serena in casa la settimana dopo.
Il 6 aprile 2006 l'Haka The Best rende visita allo Skippy. Una vittoria significherebbe terzo posto matematico in attesa delle ultime partite. La gara però si presenta irta di difficoltà. Parte in netta salita la partita dell'Haka The Best, la squadra come talvolta accade è molto nervosa in campo e non riesce ad esprimere il suo gioco. L'attacco latita e la ricezione è un danno, e a furia di errori il primo set viene buttato al vento. Fortunatamente qualcosa si aggiusta con l'andare avanti del gioco, e l'Haka riesce a chiudere in quattro set una trasferta temuta.
Archiviata la partita del 13 aprile 2006 contro i Madagascar a Castellazzo, vinta in tre set, sono le ultime due partite che determineranno quali due squadre tra Antenati, Haka The Stars e Haka The Best accederanno direttamente alle semifinali, e quale si classificherà terza e quindi dovrà giocare il quarto di finale.
Il primo scontro si svolge il 20 aprile 2006 in casa hakina contro gli Antenati. L'Haka The Best gioca una gara magistrale.
La partita è condotta con una concentrazione incredibile, senza eccessivi errori, cercando tutti insieme di superare i pochi momenti di crisi che si sono avuti nel corso dei tre set. Buona la ricezione, incisiva la battuta, ottima la marcatura con il muro al centro, preciso il palleggio.
Rimane dunque l'ultima partita a cui l'Haka The Best tiene tantissimo: il derby di ritorno il 27 aprile 2006. Con una vittoria si può arrivare primi nel girone, ma un'Haka The Best contratta rovina tutto perdendo i primi due set, la partita poi viene pareggiata ma un tie break sciagurato condanna l'Haka The Best a sconfitta e secondo posto finale, il che vuol dire una semifinale in teoria più difficile contro presumibilmente gli Antenati.
Succede proprio così, l'Haka The Best gioca la prima semifinale in casa contro gli Antenati il 22 maggio 2006. La semifinale si svolgerà in due partite. La squadra parte male e sembra perdere il primo set ma con un colpo di coda finale il set viene conquistato sul filo di lana. Il secondo set sembra vedere un'Haka diversa capace di far sua la partita. Sull'8-4 per l'Haka si infortuna uno dei più forti centrali acquesi. Dopo dieci minuti di interruzione il giocatore acquese viene trasportato all'ospedale, accompagnato da una delle due ragazze a referto degli Antenati. A questo punto gli Antenati avrebbero una sola ragazza disponibile. La soluzione viene trovata dopo un fitto conciliabolo tra capitani, arbitro e il responsabile CSI per l'occasione in tribuna: la partita continua con 5 ragazzi e una sola ragazza in campo per entrambe le squadre. Da quel momento in poi l'Haka The Best incontra poche difficoltà chiudendo la partita in tre set.
Dopo cinque giorni il ritorno, 25 maggio 2006. All'Haka The Best basta vincere un set per accedere alla finale e il risultato arriva subito. Di fronte ad avversari nervosi che sbagliano molto, l'Haka incamerà il primo set a 22. Il resto della gara vede in campo formazioni inedite che fanno pienamente il loro dovere vincendo alla fine per 3-1.

Haka The Stars
La formazione dell'Haka The Stars ha l'impalcatura dell'Haka Forever dell'anno prima. Persi Nese, Trombin passati all'altra squadra hakina, e Pozzi per scelta personale, gli acquisti sono stati Elisa Tornato in passato tra i The Best, Marco Gherci, Ilaria Crisafi, Carlo Bocchio. Si parte con il derby del 13 febbraio 2006 e la squadra pare quadrata. Buono il palleggio, bene l'attacco in banda e molto buona la concentrazione. Il 3-1 finale appare meritato.
Dopo quattordici giorni il 27 febbraio 2006 sconfiggono i Madagascar in quattro set, e pochi giorni dopo il 2 marzo gli Antenati sempre in quattro set proponendosi come la formazione da battere. Ma i primi schricchiolii si avvertono una settimana dopo quando gli Stars cadono rovinosamente in casa dello Skippy e il 20 marzo si fanno strappare un punto in casa dai MIfidodiueppe di Castellazzo. Il girone di andata viene chiuso al primo posto in coabitazione con gli Antenati.
Il girone di ritorno si apre con una vittoria convincente a Castellazzo contro il Madagascar, prima della trasferta ad Acqui.
Ad Acqui il 10 aprile 2006 è una battaglia. Vinti i primi due set, gli hakini cedono poi la partita con il quarto set che si conclude 29-27 e il tie-break perso 16-14.
Chiusa con una certa difficoltà la partita a Castellazzo contro i Mifidodiueppe, le ultime due partite decidono il futuro della formazione hakina. Per prima cosa il derby del 27 aprile 2006. Derby che viene affronato con una buona concentrazione.
I primi due set sono vinti dall'Haka The Stars ma come succede ad Acqui un calo costa il terzo e il quarto set prima però della vittoria finale. Nell'ultima partita del 3 maggio 2006 contro lo Skippy basta vincere in tre o quattro set per conquistare il primo posto finale, e la cosa avviene, con un minimo di preoccupazione in quattro set.
La semifinale si svolge ancora con lo Skippy, con la prima partita fuori casa il 22 maggio 2006. La partita ha un andamento alternato, l'Haka The Stars conferma di non gradire il campo alessandrino e vince solamente al tie-break.
Al ritorno il 25 maggio 2006 l'Haka The Stars è condannata a vincere. Primo set perso e pareggio immediato, terzo set al cardiopalma che viene perso addirittura 32-34. L'Haka The Stars rischia seriamente l'eliminazione e solo con la forza della disperazione conquista il quarto set. Al tie-break lo Skippy, encomiabile fino a quel momento, crolla di schianto e la finale viene raggiunta.

Tutti i risultati del campionato
Leggi i risultati delle due formazioni hakine

Le formazioni delle due finaliste
Per la finale CSI le squadre si presenteranno in campo con queste formazioni.
Haka The Best
04 Bigini Marco
06 Trombin Michela
08 Galeone David
09 Procopio Simona
10 Dua Marco (K)
12 Mazzeo Alessandra
13 Soro Andrea
14 Nese Massimiliano
16 Bucolo Francesco
17 Di Carluccio Luigi

Tutti abili i giocatori dell'Haka The Best. Vi è solo un dubbio per il centrale Elisa Tartuferi, che non si sa ancora se potrà essere della partita. Da tempo sia Bigini che Di Carluccio soffrono per problemi fisici, la spalla e le ginocchia per Bigini, la caviglia per Di Carluccio, ma il loro impiego non è in dubbio. In grande forma attualmente viene dato Massimiliano Nese.
La squadra attualmente gioca con Di Carluccio in palleggio, Bigini e Nese di banda con Galeone pronto a subentrare, nel ruolo di opposto si alternano Soro e Dua, mentre centrali pur non essendo il loro ruolo, si sacrificano Mazzeo e Tartuferi, che si alternano con Trombin.
E' possibile nel corso della partita un cambio di palleggiatore Di Carluccio - Mazzeo con la possibilità dell'impiego di Bucolo come centrale così come abbiamo visto nella semifinale di ritorno.
La ricezione è impostata a 3 con palleggiatore unico.

Haka The Stars
01 Zancan Claudia
03 Pensa Pier Luigi
04 Castelli Barbara
06 Bocchio Carlo
07 Ruffato Andrea
10 Tornato Elisa
11 Robbiano Paolo
12 Gherci Marco

Dopo l'allontanamento volontario delle ultime settimane sembra possibile un ritorno di Andrea Ruffato.
La squadra in generale gioca con Zancan palleggiatore, centri Bocchio e Robbiano, Gherci e Castelli di banda, Pensa opposto.
La ricezione è impostata a 3 con palleggiatore unico. Con il ritorno eventuale di Ruffato, Castelli potrebbe essere spostata nel ruolo di opposto con Pensa o Ruffato di banda.

Ultim'ora
28-05-2006
Sono stati diffusi gli orari ufficiali della finale e confermate le finaliste.
Alle 20.45 si svolgerà la finale 3-4 posto Antenati - Skippy al meglio di due set su tre. A seguire la finalissima tra Haka The Best e Haka The Stars.
Gli Antenati hanno chiesto di posticipare almeno alle 21.00 la finale terzo - quarto posto. Nessuna risposta al momento da parte della Lega CSI.

29-05-2006
E' ufficiale: la finale verrà disputata alla palestra GIL per la prima volta nella storia. La lega CSI ha infatti accettato la candidatura hakina per questa finale che si svolgerà tutta in casa.

Non si sa ancora ufficialmente invece chi sarà l'arbitro. E' una decisione che spetta alla lega CSI che non si è ancora pronunciata sull'argomento.

30-05-2006
A due giorni dalla finale nell'Haka The Stars non si sa ancora se ci sarà Andrea Ruffato. Il forte laterale alessandrino non ha ancora sciolto la riserva sulla sua partecipazione. Voci all'interno della squadra affermano che il giocatore debba ancora parlare con il capitano Piero Pensa.

Non sarà invece con ogni probabilità della partita Elisa Tartuferi dell'Haka The Best. Sembra che l'impegno già concordato per il 1 giugno non le consenta di liberarsi in tempo per la partita.

Ieri sera allenamento di rifinitura per entrambe le formazioni. Nella partitella finale ranghi assolutamente misti con Mister Pozzi che ha voluto comunque mischiare le carte. Allenamento comunque divertente, e fortunatamente nessun infortunato.

31-05-3006
Numerose le autorità presenti sugli spalti della GIL domani sera. Tra le altre è prevista la presenza di Fabio Chiurato pronto a sostenere i suoi compagni dell'anno scorso.

Stasera ultimo allenamento prima della finale. Grande la preoccupazione per eventuali infortuni, quindi si presume che l'allenamento verrà disertato dai più.

"Sia una grande festa di sport". Come sempre conciliante il capotifoso Marco Zuliani che ha voluto far sentire la propria voce prima di questa sentitissima finale.

Crediamo che la tensione salirà domani. Nell'allenamento di lunedì ancora tanti sorrisi e battute tra i componenti delle due squadre. Pensa ha raccontato nello spogliatoio del pericolo scampato in semifinale contro lo Skippy e di come siano stati aiutati anche da un infortunio della squadra avversaria.

Comunque vada un'altra coppa entrerà nella sala dei tesori hakina. Mentre niente si sa della coppa di due anni fa, è invece certo che la coppa CSI dell'anno scorso è in possesso di Fabio Chiurato, che la custodisce gelosamente.

Cosa organizzerà la tifoseria hakina? Non si sa ancora niente di preciso anche se i preparativi fervono come testimoniano i fitti conciliaboli tra Dua, Di Carluccio e Bucolo.

Le foto della finale
Guarda le foto della finale

Le interviste post-gara
Luigi Di Carluccio
E’ incredibile, abbiamo veramente fatto qualcosa di bello tutti insieme. Non ci accreditavano alla vigilia di molti favori soprattutto perché abbiamo dovuto cambiare radicalmente il nostro modo di giocare. L’anno scorso tutto l’impianto di gioco era spostato su Chiurato che garantiva un’alta affidabilità. Quest’anno abbiamo recuperato il Bigio e Max ha avuto veramente percentuali alte.
Ma non posso dimenticare nessuno dei miei compagni. È stato un altro anno di passione, ma alla fine siamo una squadra veramente unita, anche quando io e Max litighiamo!
Ci troviamo bene insieme, usciamo insieme, e come si dice siamo amici anche al di fuori del campo e questo è importante. Quando abbiamo organizzato una cena a casa mia prima della fase finale, Samo si è incazzato di brutto perché non avrebbe potuto esserci, questo per dimostrare quanto ci teniamo a fare gruppo.
Nel corso del campionato abbiamo trovato il nostro solito equilibrio con le due ragazze purtroppo sacrificate al centro e lasciatemi mandare un pensiero proprio a loro, ad Alessandra, a Michela, a Elisa che purtroppo ha saltato la finale, a Simona che svolgono sempre un lavoro molto oscuro, poco appariscente ma utilissimo ai fini della squadra.
Il modulo ha anche lasciato molto spesso fuori Bucolo che da ragazzo intelligente qual è ha sempre accettato le decisioni di Dua scherzandoci sopra con gli altri e trascinando la squadra urlando come un matto. Forse in qualche momento avremmo anche potuto far giocare maggiormente i ragazzi della panchina ma era sempre molto importante trovare un equilibrio in campo.
Questa serata è stata incredibile. Un tifo che non avevo mai visto in tuta la mia carriera, in campo non riuscivamo a sentirci e per gridare se il palleggiatore avversario era di prima o di seconda dovevo attendere i pochi istanti prima della battuta quando il tamburo cessava. Un’atmosfera bellissima in cui ci siamo esaltati.
Non ci siamo depressi nel secondo set quando eravamo sotto, ma abbiamo continuato a combattere costantemente liberandoci dagli errori.
Il terzo set è stato fantastico. Vedevamo che i The Stars stavano mollando pian piano e cominciavamo a ridere per l’entusiasmo in campo saltando ad ogni punto.
Ora gli scudetti CSI sono due, e mi piacerebbe affrontare anche l’anno prossimo questo campionato con la voglia di vincerlo ancora, sperando che Bigio non molli e se poi ci fosse un ritorno che aspettiamo da tempo…

Icona pdf Statistiche primo set (file pdf 16.44 kb scaricato 0 volte)
Icona pdf Statistiche secondo set (file pdf 16.52 kb scaricato 0 volte)
Icona pdf Statistiche terzo set (file pdf 16.77 kb scaricato 0 volte)
Icona pdf Statistiche totali (file pdf 15.32 kb scaricato 0 volte)
Data prima pubblicazione: Giovedì, 17 Novembre 2016, Ore: 12:27:29
Data ultima modifica: Giovedì, 17 Novembre 2016, Ore: 12:27:29